Business Analysis

Data Business Analytics e BIG DATA

Business Data Analytics

I BIG DATA cambieranno radicalmente la convivenza sociale dando luogo alla quarta rivoluzione industriale.

Le schede perforate che hanno caratterizzato l’inizio dell’elaborazione dati, oggi sembrano parte della preistoria. Eppure, negli anni 60 e 70, dalla meccanografia si è passati all’elaborazione dati con schede, nastri magnetici e infine dischi. Le principali preoccupazioni erano: sicurezza, integrità e riservatezza delle informazioni. A distanza di 50 anni, nulla è cambiato, anzi la preoccupazione è aumentata per via delle nuove tecnologie sempre più miniaturizzate, addirittura tascabili.

Scheda perforata

Grazie alle nuove tecnologie, una delle differenze sostanziali è la disponibilità di montagne di dati, i così detti BIG DATA.

Queste masse di dati costituiscono la linfa delle aziende moderne.

Non esiste solo il problema della conservazione dei dati, bensì urge saperli interpretare per trarne il massimo vantaggio, per:

  • fare previsioni sull’andamento del business,
  • comprendere il comportamento dei clienti,
  • riconoscere i limiti di un sistema,
  • studiare l’ambiente e il contesto in genere nel quale operiamo.

Tutte queste analisi sono necessarie per prendere decisioni informate e creare consenso sulle scelte attuate. Pertanto, l’analisi dei BIG DATA è indispensabile all’industria, ai politici, agli ambientalisti, etc.  e non soltanto agli scienziati.

Purtroppo, i BIG DATA nascono come “dati elementari” da aggregare, ripulire e trasformare in informazioni che consentano di fare dei ragionamenti.

Big Data

L’Intelligenza Artificiale e il Cognitive Computing ci vengono incontro, ma non bisogna perdere di vista che il fine ultimo è generare valore.

In questa ottica, occorre dimenticare l’informatica  del “record” o della “scheda perforata” è abituarsi a valutare informazioni. A volte un video, alcune foto possono dare molte più informazioni rispetto a migliaia di record di dati strutturati.

Fermo restando che le attività informatiche  saranno sempre più vitali in tutti i settori, la differenza la faranno i professionisti che sapranno definire come creare valore.

Già il Project Management, prevede specializzazioni per la Gestione del Rischio o della Schedulazione, ultimamente è alla ribalta la professione del Business Analyst.

Il Business Analyst è il professionista che prevede la creazione di valore, giustificando la fattibilità di nuovi progetti. Una volta accettata la soluzione raccomandata dal Business Analyst, nasce il progetto da gestire con qualsiasi approccio: tradizionale, agile o ibrido.

Anche se gli studi di fattibilità sono sempre esistiti, oggi si impone la figura del Business Analyst come novità nell’attuale contesto lavorativo.

Il professionista della Business Analysis è colui che sa analizzare i requisiti di una  nuova iniziativa, applicando i processi definiti da PMI e da IIBA nei rispettivi standard riconosciuti a livello mondiale:

  • PMI – Body of Knowledge and Standard in Business Analysis
  • IIBA – Business Analysis Body of Knowledge (BABOK ® Guide)

Mentre il Business Analyst diventa un valido supporto per i Project Manager, affiora l’esigenza di nuove figure professionali che sappiano  affrontare e risolvere le problematiche che sorgono  con  i BIG DATA. Ecco le più evidenti:

  • Business Data Analytics  – professionista in grado di  tradurre rapidamente i dati in informazioni che diano valore.  La Business Data Analytics (BDA) consiste in un insieme di  tecniche, competenze e procedure applicate nella continua esplorazione, iterazione e investigazione di dati di business, con lo scopo di determinare come  prendere decisioni informate.
  • Data Driven Marketer – professionista capace di utilizzare dati da più fonti per la profilazione dei propri utenti. Tali intuizioni regolano gli investimenti, la produzione e le previsioni di risultati positivi.
  • Data Scientist – professionista capace di progettare lo sviluppo e la modellizzazione delle basi dati, oltre alle metodologie per estrarli e esporli a chi dovrà prendere decisioni. Lo scienziato spiega il significato dei dati trasformandoli realmente in informazioni per prendere decisioni informate.
  • Analista  Intelligenza Artificiale – professionista che sappia utilizzare le piattaforme di Machine Learning e Cognitive Computing per analizzare base dati interne ed esterne. Tramite analisi inferenziali avanzate e modelli probabilistici fornisce le interpretazioni necessarie per la Business Intelligence.

Promo

Leggi perché bisogna conseguire al più presto una certificazione da  Business Analyst

Corsi per certificarsi Business Analyst a qualsiasi livello:

PM-PBA℠ Prep Online

TenStep Italia

IIBA-CBAP® Prep Online
IIBA-CCBA® Prep Online
IIBA-ECBA™ Prep Online

IIBA-CBDA® Prep Online

Chiedici un preventivo  ad hoc, in tutta Italia.

Modulo di contatto