PMI-ACP Agile Manifesto

“Preparazione Esame di Certificazione Agile PMI-ACP®”

Badge ACP

   Modulo di Iscrizione

Il Manifesto per lo Sviluppo Software Agile

L’11 Febbraio del 2001, diciassette professionisti si diedero appuntamento ad Utah per concordare i nuovi principi dello sviluppo software. Dopo tre giorni di discussioni, tra una birra ed una bistecca, tirarono fuori un  documento passato alla storia dal titolo:

Manifesto for Agile Software Development

Il documento afferma:

We are uncovering better ways of developing software by doing it and helping others do it. Through this work we have come to value:

  • Individuals and interactions over processes and tools
  • Working software over comprehensive documentation
  • Customer collaboration over contract negotiation
  • Responding to change over following a plan

That is, while there is value in the items on the right, we value the items on the left more.

Traduzione:

Stiamo scoprendo modi migliori di creare software, sviluppandolo e aiutando gli altri a fare lo stesso. Grazie a questa attività siamo arrivati a considerare importanti:

  • Individui e interazioni più che  processi e strumenti
  • Software funzionante più che documentazione esaustiva
  • Collaborare col cliente più che negoziare contratti
  • Rispondere al cambiamento più che seguire un piano

Ovvero, fermo restando il valore delle voci a destra, consideriamo più importanti le voci a sinistra.

Kent Beck, Mike Beedle, Arie van Bennekum, Alistair Cockburn, Ward Cunningham, Martin Fowler , James Grenning, Jim Highsmith, Andrew Hunt, Ron Jeffries, Jon Kern, Brian Marick, Robert C. Martin, Steve Mellor, Ken Schwaber, Jeff Sutherland, Dave Thomas
© 2001, the above authors this declaration may be freely copied in any form.

Principles behind the Agile Manifesto

 We follow these principles:

  1. Our highest priority is to satisfy the customer through early and continuous delivery of valuable software.
  2. Welcome changing requirements, even late in development. Agile processes harness change for the customer’s competitive  advantage.
  3. Deliver working software frequently, from a couple of weeks to a couple of months, with a preference to the shorter timescale.
  4. Business people and developers must work together daily throughout the project.
  5. Build projects around motivated individuals. Give them the environment and support they need, and trust them to get the job done.
  6. The most efficient and effective method of conveying information to and within a development team is face-to-face conversation.
  7. Working software is the primary measure of progress.
  8. Agile processes promote sustainable development. The sponsors, developers, and users should be able to maintain a constant pace indefinitely.
  9. Continuous attention to technical excellence and good design enhances agility.
  10. Simplicity–the art of maximizing the amount of work not done–is essential.
  11. The best architectures, requirements, and designs emerge from self-organizing teams.
  12. At regular intervals, the team reflects on how to become more effective, then tunes and adjusts its behavior accordingly.

Traduzione:

Noi seguiamo i seguenti principi:

  1. La nostra massima priorità è soddisfare il cliente rilasciando software di valore, fin da subito e in maniera continua.
  2. Accogliamo i cambiamenti nei requisiti, anche a stadi avanzati dello sviluppo. I processi agili sfruttano il cambiamento a favore del vantaggio competitivo del cliente.
  3. Consegniamo frequentemente software funzionante, con cadenza variabile da un paio di settimane a un paio di mesi, preferendo i periodi brevi.
  4. Committenti e sviluppatori devono lavorare insieme quotidianamente per tutta la durata del progetto.
  5. Fondiamo i progetti su individui motivati. Diamo loro l’ambiente e il supporto di cui hanno bisogno e confidiamo nella loro capacità di portare il lavoro a termine.
  6. Una conversazione faccia a faccia è il modo più efficiente e più efficace per comunicare con il team ed all’interno del team.
  7. Il software funzionante è il principale metro di misura di progresso.
  8. I processi agili promuovono uno sviluppo sostenibile. Gli sponsor, gli sviluppatori e gli utenti dovrebbero essere in grado di mantenere indefinitamente un ritmo costante.
  9. La continua attenzione all’eccellenza tecnica e alla buona progettazione esaltano l’agilità.
  10. La semplicità – l’arte di massimizzare la quantità di lavoro non svolto – è essenziale.
  11. Le architetture, i requisiti e la progettazione migliori emergono da team che si auto-organizzano.
  12. A intervalli regolari il team riflette su come diventare più efficace, dopodiché regola e adatta il proprio comportamento di conseguenza.

Alcune Considerazioni

I principi del manifesto possono essere così riassunti:

  1. Soddisfare il cliente rilasciando software di valore fin dalle prime interazioni.
  2. Accettare che il cliente possa chiedere continuamente modifiche all’applicazione.
  3. Consegnare software funzionante  con la massima frequenza.
  4. Collaborare con l’utente per tutta la durata del progetto.
  5. Affidare i progetti a persone motivate.
  6. Preferire la comunicazione faccia a faccia.
  7. Misurare gli avanzamenti con la quantità di software rilasciato.
  8. Promuovere lo sviluppo sostenibile.
  9. Esaltare l’agilità, progettando buone soluzioni software.
  10. Restare semplici, massimizzando il lavoro rimanente.
  11. I risultati migliori li danno i team che si auto organizzano.
  12. Riflettere regolarmente su come essere più efficaci, cambiando comportamento.

Tutti i tool Agile si ispirano a questi principi, con minore o maggiore successo. Ad esempio, il tool Scrum offre piani concreti per un progetto, contiene componenti ben testati, affinati negli anni e prevede tre ruoli: Scrum Master,  Team e Product Owner che insieme attuano le iterazioni di sviluppo del prodotto (sprint).

La filosofia Agile spinge il team di progetto verso le esigenze dell’utente. Invece di impostare una rigorosa pianificazione iniziale, si accetta un ciclo iterativo dinamico per gestire meglio le continue richieste di modifiche. Tendenzialmente, le decisioni vengono prese a livello più basso, rendendo l’organizzazione più rispondente ed adattiva.

Scrum rende operativa l’orientamento iniziale della filosofia Agile. Per garantire una buona comunicazione, Scrum  stabilisce le regole per tenere le riunioni e come condurle. Scrum mette a fuoco lo sviluppo iterativo e incrementale attraverso riunioni ben definite (sprint) che in definitiva sono le iterazioni.

Più che una rivoluzione nello sviluppo software, Agile è un modo pratico per favorire la creatività,  abbassando il livello decisionale in base alla prospettiva del business. L’adozione di una buona metodologia Agile, consente di ridurre costi e tempi dello sviluppo software, creando prodotti più vicini ai desiderata dell’utente, coinvolto in tutte le decisioni:

  • Il prodotto sviluppato è molto più vicino a ciò che vuole l’utente/cliente.
  • L’utente/cliente è più contento.
  • I costi ed i tempi sono inferiori.
  • Il rischio di non soddisfare le esigenze del cliente è  più basso.
  • Tutto ciò ha molto senso anche dal punto di vista del business.

fonte: http://agilemanifesto.org/

  Modulo di Iscrizione

Modulo di Comunicazione

Portale delle Certificazioni dei Professionisti